Pubblicato da Alessandra il 30 novembre 2015

Image for Chiara Bargagli: dai banchi virtuali del Master Online WME alle scrivanie bianche di BizUp

Da studentessa del Master in Digital Marketing della Web Marketing E-academy a Content Specialist presso una delle realtà più dinamiche e innovative del panorama italiano del web marketing: BizUp, l’agenzia partner del Master assieme a UniCusano.

Quello di Chiara Bargagli, da poco entrata a far parte del team Content di BizUp, è un percorso esemplare per studenti e appassionati di comunicazione digitale alla ricerca di un’opportunità di specializzazione che li accompagni verso la costruzione di una florida carriera nel settore dei new media.

A ulteriore conferma della singolarità del percorso formativo di Chiara è la pubblicazione sotto forma di eBook del lavoro di tesi presentato a conclusione del Master: intitolato Experiential e-commerce & Made in Italy e promosso da UpCommerce, il white paper si sofferma sulle potenzialità dello Storytelling come strumento capace di contribuire alla crescita delle piccole e medie imprese italiane nel mondo.

Per conoscere più da vicino i fattori che hanno permesso a Chiara di passare dai banchi virtuali del Master WME alle scrivanie bianche di BizUp, le abbiamo dedicato una nuova intervista sul nostro blog.

Ciao Chiara, ben ritrovata! Raccontaci in che modo il Master WME ti ha aiutato a rilanciare la tua carriera.

In che modo? Quando mi sono trovata a voler e dover dare una svolta al mio percorso professionale, il Master WME mi ha introdotto concretamente nel mondo del digital marketing, quello in cui sentivo che le mie passioni, la scrittura e il web, avrebbero potuto trovare migliore espressione.

Subito dopo la laurea in Teoria della Comunicazione sono entrata a far parte di una realtà piuttosto importante nel campo della distribuzione editoriale, per la quale mi sono occupata di vendite e marketing. Ma quando mi sono resa conto che la parte del mio lavoro che mi interessava di più era la produzione di materiale promozionale, newsletter e altro genere di contenuti per il sito aziendale che implicavano una discreta dose di creatività ed una buona capacità di scrittura, ho capito che era ora di cambiare. E ho pensato che un Master in digital marketing fosse la soluzione migliore per inserirmi in un mondo per me completamente nuovo.

Così ho scelto il Master WME in Digital Marketing, che mi ha attratto per il fatto di essere patrocinato da un’agenzia di web marketing oltre che da un’università. Immaginavo che l’orientamento delle lezioni fosse molto pratico e che potesse essere determinante apprendere direttamente da professionisti del web, e così è stato. Grazie al Master WME ho potuto conoscere più da vicino una realtà giovane e dinamica come BizUp e ho capito che il mio desiderio era entrare a farne parte per poter fare esperienza concreta di quanto appreso seguendo le lezioni del Master.

Non è stato semplice cambiare tutto e non avrei mai creduto che il cambiamento potesse realizzarsi così rapidamente, ma alla fine è successo: a conclusione del Master, abbiamo avviato con BizUp una collaborazione che si rivela di giorno in giorno più interessante.

Qual è stato il percorso che ha portato la tua tesi a trasformarsi in un eBook da centinaia di download e quali pensi siano le ragioni del suo successo?

Forse proprio il fatto di suggerire una soluzione concreta alle piccole e medie imprese italiane che oggi stanno attraversando una crisi di portata epocale.

Fare il proprio ingresso nel web ed aprire un eCommerce non è cosa facile, al contrario di quello che possa sembrare, e nella mia tesi/white paper credo di aver illustrato abbastanza chiaramente le criticità che comporta una simile scelta, senza lasciar spazio a facili illusioni. Non solo in termini di complessità organizzativa, ma anche per ciò che concerne il fattore “competitors”. Ottenere visibilità in un ambiente così saturo lato offerta rappresenta indubbiamente una sfida, che non può più essere affrontata con le strategie di marketing tradizionali.

Ma è esattamente qui che subentra tutto il potenziale delle piccole e medie imprese italiane, il valore aggiunto del Made in Italy, che ha proprio in sé la soluzione per emergere a livello internazionale: avere una storia da raccontare, la storia di un brand che spesso ha origini lontane, la storia di tecniche di lavorazione che si tramandano di generazione in generazione per realizzare prodotti di qualità e sempre diversi l’uno dall’altro.

Il segreto è raccontare tutto questo nel proprio eCommerce, per suscitare emozioni nel pubblico e instaurare con lui un rapporto più stretto di quanto possa fare un marketplace dove si vendono migliaia di prodotti realizzati a livello industriale. E questo per un’azienda manifatturiera è, se ci si pensa bene, quanto di più facile possa esistere, semplicemente perché è qualcosa che ha sempre fatto: Storytelling, cioè raccontare in cosa consiste il proprio lavoro così come lo ha tramandato ai propri figli e nipoti per mostrare ai possibili acquirenti tutto il valore di prodotti unici ed irripetibili.

Veniamo a BizUp. In cosa consiste il tuo lavoro all’interno del team Content dell’agenzia?

Collaboro con gli altri membri del team Content in qualità di Content Web Editor alla creazione di contenuti per magazine online o per aziende che estendono al canale online la loro offerta di prodotti o servizi. Quindi scrivo e racconto: articoli che forniscono novità curiose ed allettanti per comunità di utenti con interessi specifici, oppure contenuti promozionali che rientrano nella classica comunicazione di taglio corporate. In ogni caso l’attività di scrittura comincia con l’avere ben chiari gli obiettivi della produzione di un certo tipo di contenuto, per adattare e conformare ad essi il tono da assumere. Gli obiettivi sono molteplici e possono consistere nel portare traffico al sito ed accrescere la visibilità del brand – a questo scopo la condivisione dei contenuti sui canali social è fondamentale – oppure nell’intercettare i bisogni che gli utenti esprimono sul web effettuando ricerche ben precise sui motori di ricerca – in questo caso di primaria importanza è la disposizione all’interno del testo delle keyword ricercate dagli utenti in un modo che sia il più possibile naturale.

Di fronte al moltiplicarsi di corsi e Master post laurea in ambito Digital diventa sempre più difficile scegliere il percorso formativo più valido, completo e aggiornato. Si direbbe che tu abbia fatto la scelta giusta: cosa ti senti di consigliare agli aspiranti professionisti del web?

Il mio consiglio è di orientarsi su corsi o Master dal taglio più pratico possibile, che includano nel loro programma laboratori, esercitazioni e project work che diano subito la possibilità di testare sul campo le proprie competenze e farsi un’idea chiara del modo in cui verranno spese nel mondo digital. Il Master WME include lezioni che mostrano in modo chiaro, passo dopo passo, tutti gli step per realizzare una campagna con Google Adwords o Facebook Ads, come integrare tra loro i vari strumenti per approntare una strategia di comunicazione digital efficace e laboratori pratici in cui realizzare campagne insieme a docenti e colleghi di Master – e questo è solo un esempio. Il mondo del web marketing è estremamente pratico e, soprattutto, in continua evoluzione, quindi credo fermamente che l’approccio operativo sia quello vincente!

 

Quando la formazione (e lo storytelling) fanno la differenza, si vede.

 

 

 

 

 

 

 

Diventa un professionista del web: approfittane ora!